Innovazioni per una società aperta

ARCHIVIO Formazione

Prende il via a giugno il Growth Hacking Training Program

“Growth Hacking Training Program”, un corso di “apprendistato digitale” al via a giugno 2019 a Milano, prima città pilota dell’iniziativa (seguiranno una città del centro e una del sud Italia), durante il quale, per sei mesi, gli studenti selezionati alternano lezioni in aula ad esperienze dirette all’interno di startup e aziende partner. Tra le realtà partner, vi sono startup come Eatsready, imprese del design come Bonacina 1889, grandi aziende come Purina, società di servizi tecnologici come Sopra Steria e operatori nel campo della formazione come Elis, a dimostrazione del bisogno trasversale di nuovi “hacker della crescita”.

 

L’iniziativa è realizzata grazie alla partnership tra The Talent Institute, la “fabbrica di talenti digitali” di Startupbootcamp, uno dei più grandi network mondiali di accelerazione di startup, e Microsoft e l’obiettivo è quello di formare professionisti Growth hackers, esperti del digital marketing con competenze tecniche e analitiche, capaci di far leva su tutti gli strumenti digitali quali social media, motori di ricerca, siti ed app, per accrescere il business delle aziende.

 

Il progetto fa parte dell’ampio programma Ambizione Italia di Microsoft, che mira a far leva sulle opportunità offerte dall’intelligenza artificiale e sulla formazione avanzata per accelerare la trasformazione digitale in Italia, con l’obiettivo di raggiungere oltre 2 milioni di giovani, studenti, Neet e professionisti in tutta Italia entro il 2020.
Senz’altro i temi crescita, lavoro, disoccupazione giovanile e innovazione tecnologica giocano un ruolo fondamentale nella nascita del progetto. Dai dati si vede un livello di disoccupazione giovanile che supera il 30% e che risulta tra i più alti in Europa.

 

Inoltre, se da un lato è noto che l’innovazione tecnologica possa costituire un motore per la crescita socio-economica del Paese, dall’altro, per poterne cogliere le opportunità è necessario ridurre lo skills mismatch, il divario tra le competenze disponibili e quelle richieste dal mercato del lavoro: dai dati della Commissione Europea, per esempio, solo il 44% dei cittadini Italiani dichiara di avere competenze digitali di base, e secondo altre ricerche il 59% delle aziende dichiara di non essere preparata ad affrontare le nuove sfide del digitale proprio per mancanza di skills adeguate.

 

Le dichiarazioni dei promotori del percorso.

 

Alceo Rapagna CEO di Startupbootcamp, Innoleaps e The Talent Institute Italia, afferma: “Siamo felici di poter contare su un partner straordinario come Microsoft per accelerare l’innovazione delle aziende Italiane. In questo mondo a rapidissima evoluzione dobbiamo evolvere in primis il modello formativo, passando dall’aula al training-on-the job ed accelerando così il trasferimento di competenze”.

 

Barbara Cominelli, Direttore Marketing & Operations Microsoft: “I nuovi trend digitali stanno trasformando il mondo del lavoro: alcune professioni in futuro scompariranno ma ne saranno create molte nuove per le quali non siamo ancora sufficientemente preparati. Investire sulla formazione è quindi cruciale per aiutare studenti e professionisti ad abbracciare il cambiamento. La nostra collaborazione con The Talent Institute vuole proprio contribuire a questo importante obiettivo”.

 

Per partecipare al primo programma previsto nel mese di Giugno su Milano e su Roma, imprese e aspiranti hacker possono inoltrare le proprie candidature all’indirizzo email: Italy@thetalentinstitute.nl