Innovazioni per una società aperta

ARCHIVIO Imprese Innovazione

Arriva “Resto al Sud Hackathon Tour” per trovare e finanziare idee imprenditoriali di aspiranti startupper nel Sud Italia

Resto al Sud Hackathon Tour

Invitalia promuove “Resto al Sud Hackathon Tour”, il primo hackathon per il Sud Italia che prevede quattro tappe, tra gli atenei del Mezzogiorno. L’obiettivo è trovare e aiutare giovani aspiranti imprenditori che vogliano avviare un’attività nelle Regioni del Sud in settori strategici e innovativi, generando così un cambiamento nei territori del meridione, portando innovazione, valore e impatto sociale attraverso le loro imprese.

 

Invitalia è l’Agenzia nazionale per l’attrazione degli investimenti e lo sviluppo d’impresa, di proprietà del Ministero dell’Economia. La sua funzione è dare impulso alla crescita economica del Paese, puntando sull’innovazione e sui settori strategici per lo sviluppo e l’occupazione e indirizzandosi, soprattutto, al rilancio delle aree di crisi e del Mezzogiorno. In particolare, rispetto alla nascita di nuove imprese innovative, gestisce programmi quali “Nuove imprese a tasso zero”, “Smart&Start”, “SELFIEmployment” e “Resto al Sud” ed è proprio all’interno di quest’ultimo che si inserisce “Resto al Sud Hackathon Tour”.

 

L’iniziativa è rivolta a giovani universitari tra i 18 e i 35 anni con idee imprenditoriali che, selezionate le migliori, potranno essere sviluppate attraverso un hackathon di accelerazione e finanziate con gli incentivi Resto al Sud. Prima di ogni tappa è previsto un periodo di tempo per la candidatura delle idee tra le quali verrà fatta una prima selezione, anche in base ai criteri dell’innovazione, della sostenibilità e dell’impatto sociale.

 

Le proposte di idee che saranno accolte potranno così partecipare alle due giornate di hackathon, durante le quali verranno affinate e messe a punto, grazie all’aiuto di un team di mentor a supporto degli aspiranti startupper: il fine è preparare i progetti nel migliore dei modi e accompagnare i team davanti alla giuria di esperti che sceglierà il vincitore.

 

La prima tappa si svolgerà presso l’Università degli Studi di Bari Aldo Moro in collaborazione con la società benefit Onde Alte, l’hackathon si terrà il 29 e 30 novembre e le candidature per partecipare vanno presentate entro il 22 novembre. Quattro gli ambiti prioritari sui quali i partecipanti potranno presentare le proprie idee: salute e welfare, ambiente, turismo sostenibile, agritech e foodtech.

 

Per partecipare all’iniziativa (totalmente gratuita) è obbligatorio presentare il proprio progetto seguendo la procedura prevista sulla piattaforma dedicata.

 

Sono previsti due premi per questo Contest:

  • Il progetto vincitore assoluto verrà premiato con servizi per l’accrescimento delle competenze e l’internazionalizzazione del business presso partner (incubatori all’estero) di comprovata esperienza (valore 7.000 euro)
  • È prevista poi l’erogazione di un secondo premio in servizi per l’accrescimento delle competenze e per il networking – partecipazione ad eventi nazionali e/o internazionali di settore (valore 3.000 euro)

 

 

Per saperne di più e il regolamento .