Innovazioni per una società aperta

ARCHIVIO Innovazione

È stato inaugurato il Vittoria Hub, l’incubatore insurtech di Vittoria Assicurazioni

L’intervista a Fabrizio Cardinali, Chief Innovator Officer di Vittoria Hub

 

È stato inaugurato il 29 novembre l’incubatore insurtech promosso da Vittoria Assicurazioni: Vittoria Hub. Il nuovo polo tecnologico, che ha sede nel Parco Vittoria Business Center di Milano (quartiere Portello), mira a diventare luogo di incontro tra innovazione tecnologica e nuovi modelli di business per il settore assicurativo, promuovendo lo scambio di idee, risorse e competenze e accelerando il percorso di crescita delle startup per una nuova proposta di ecosistema nel mercato assicurativo.

 

In occasione dell’inaugurazione è stata lanciata anche la “call for ideas”, aperta fino al 28 febbraio 2020, rivolta alle startup attive nell’insurtech nei seguenti campi: persona, mobilità, casa e azienda connessa, le cui idee siano integrabili con nuove soluzioni assicurative o nuovi canali distributivi e che forniscano servizi di prevenzione, assistenza, pronto intervento, rimedio e monitoraggio. Le startup selezionate parteciperanno al programma Via2 (Vittoria Incubation, Adoption & Acceleration) strutturato in 3 fasi. Attraverso queste tre fasi, il cui accesso è basato su una graduatoria di merito stabilita dal Comitato Tecnico di Selezione, ogni startup potrà ottenere premi incrementali fino a 60.000€ e ulteriori condizioni favorevoli di financing.

 

Fabrizio Cardinali, Chief Innovator Officer di Vittoria Hub, spiega: “Durante 9 mesi, le startup selezionate inizieranno una prima fase di incubazione (partendo dall’idea di business per raggiungere il MVP, Minimum Value Proposition); una seconda fase di adozione (dal MVP all’interoperabilità con ecosistemi e infrastruttura Vittoria); una fase finale di accelerazione (che permetterà alla startup di entrare nei mercati nazionali e internazionali […]. L’Open Innovation per avere successo richiede mentalità, tecnologie e architetture che siano veramente “aperte” a inter-operare con sistemi, dati e business model di terze parti […]. Il concetto di ecosistema di Vittoria Hub sta al futuro dell’Insurtech più o meno come i Digital Marketplace stavano ai contenuti digitali al loro primo avvento sul web: un’opportunità per tutti di condividere, crescere e innovare insieme”.

 

Nicolò Soresina, Chief Operating Officer di Vittoria Hub, aggiunge: “Con il team di Vittoria Hub abbiamo definito lo spazio perfetto, disegnato i processi, strutturato i servizi, costruito la rete di partner e avviato metodologie innovative di incubazione e una presenza sul canale digitale per fornire alle startup aderenti la massima propulsione e focalizzazione nel loro percorso verso il mercato e verso la realizzazione di servizi Insurtech di nuova generazione. […] La responsabilità che abbiamo ora davanti sta nel supportare i migliori talenti a crescere e a emergere”.

 

Da dove nasce Vittoria Hub? Le parole dell’azienda.

 

Il CEO di Vittoria Assicurazioni, Cesare Caldarelli, afferma: “L’innovazione tecnologica gioca un ruolo chiave nel settore assicurativo e in Vittoria Assicurazioni ne siamo consapevoli da sempre. […] Proprio perché crediamo fortemente in questa evoluzione tecnologia, abbiamo deciso di percorrere una nuova tappa di continuità nel nostro cammino”.

 

Carlo Acutis, presidente emerito di Vittoria Assicurazioni, spiega: “Innovare non significa solo inventare qualcosa di nuovo, ma anche conoscere l’impatto dell’esplosione di dati disponibili sulla correlazione fra fattori su cui non possiamo intervenire ma che possono determinare il cambiamento della società, come la tecnologia, l’economia, l’ambiente, la politica, la legge. Solo una gestione etica e trasparente dei dati renderà l’innovazione realmente positiva e vincente”.

 

Tra i partner che hanno già aderito al progetto, ci sono: BeOn, CRIF, Design Group Italia, Doppia Elica, F2A, FairConnect, G2, Horsa, Logotel, Microsoft for Startups, Maps Group, Osservatori Digital Innovation del Politecnico di Milano, Orrick, Studio Dattilo e Delta.

 

Per saperne di più.