Innovazioni per una società aperta

ARCHIVIO Formazione

First Ascent Italy e First Ascent International, due opportunità di formazione con Bending Spoons

La voce di alcuni partecipanti delle edizioni passate

Bending Spoons lancia le nuove edizioni di First Ascent Italy, riservata agli studenti migliori di Computer Science e Ingegneria Informatica d’Italia e di First Ascent International, per gli studenti europei. In palio per i vincitori tre giorni a Copenhagen completamente spesati dall’azienda, all’insegna di talk tecnici di data science, sviluppo mobile e scalabilità backend, oltre che di attività ludiche e di networking.

 

Nello specifico, l’obiettivo di First Ascent Italy è riconoscere e celebrare il talento informatico in Italia e incentivare lo studio di discipline in questo settore.

 

Le selezioni sono aperte fino al 23 febbraio: dopo aver completato la domanda, i partecipanti affronteranno un processo di selezione che prevede diversi step e prove, dalla logica pura a sfide di programmazione.

 

Chi è Bending Spoons?

 

L’azienda, nata nel 2013 a Copenhagen da quattro ingegneri Italiani e un designer polacco, è tra i primi iOS app developer del mondo. Circa 150 ingegneri del Software, data scientist, designer e marketer provenienti da decine di nazionalità diverse lavorano nei modernissimi uffici della società in Corso Como, a Milano. L’azienda è stata premiata nel 2019 come miglior luogo di lavoro in Italia dal Great Place to Work Institute. Bending Spoons è anche stata premiata come miglior luogo di lavoro per i Millenials, per le donne, nonché per l’Innovazione.

 

A proposito dei premi ricevuti come luogo di lavoro, Alice Valsecchi, People Operations Manager di Bending Spoons, spiega: “Vogliamo divenire la migliore azienda al mondo dove e per cui lavorare, specialmente sotto due aspetti: la felicità dei suoi collaboratori e la portata del suo impatto sulla società intera (anche attraverso la qualità dei prodotti che offre) e dimostrare che si possono fare profitti ed essere competitivi su scala globale offrendo, allo stesso tempo, posti di lavoro eccellenti sotto tutti gli aspetti, partendo dal rispetto delle persone […]”.

 

La voce dell’azienda.

 

“Nella scorsa edizione, abbiamo raccolto oltre 800 candidati. La maggior parte degli studenti proveniva da Università del Nord e Centro Italia, in particolare da Bologna, Politecnico di Milano e di Torino, dall’università Sant’Anna, dalla Sapienza di Roma, ma non mancavano gli studenti di prestigiosi atenei internazionali come Cambridge, Imperial College, TUM e KTH. Più distribuita la provenienza dei venti vincitori, iscritti ad atenei del nord (Milano, Trieste e Padova primi fra tutti), del centro (Pisa, Roma e Bologna) e del sud (Catania)” dicono gli organizzatori. Questi ultimi, inoltre, proseguono dicendo: “Siamo contenti di leggere nel rapporto sugli immatricolati 2018-19 realizzato dal Centro Studi del Consiglio nazionale degli ingegneri che gli immatricolati al corso di laurea in Ingegneria Informatica sono aumentati del 12% rispetto all’anno precedente. Tuttavia, c’è ancora molto da fare in questo senso. Questo è uno dei motivi per cui ogni anno promuoviamo iniziative volte a pubblicizzare la bellezza e l’utilità dello studio di queste discipline.”

 

 

Per saperne di più.