Innovazioni per una società aperta

ARCHIVIO Eventi

Il Politecnico di Torino festeggia i suoi 160 anni con il Festival della Tecnologia

Il Rettore Guido Saracco presenta il Festival della Tecnologia 2019

 

In occasione del proprio 160° anniversario, il Politecnico di Torino festeggia con il Festival della Tecnologia (#FesTech19), in programma dal 7 al 10 novembre. Alla base del Festival vi è la volontà di “raccontare la tecnologia attraverso le persone e raccontare le persone attraverso la tecnologia”; un programma pensato per utilizzare strumenti diversi e offrire al grande pubblico di ogni età laboratori didattici e workshop, allestimenti interattivi e incontri con scienziati, artisti, sociologi, scrittori di fama internazionale. Tre le sedi principali per ospitare questa rassegna: Politecnico, Castello del Valentino e Circolo dei lettori per dibattiti e incontri tematici.

 

L’obiettivo è quello di proporre una riflessione ampia sul rapporto tra tecnologia e società, avvicinare i cittadini al metodo scientifico e rafforzare il dialogo tra università e società civile. Il Festival rappresenta nel panorama nazionale e internazionale uno dei primissimi momenti di questa portata specificamente dedicati a una riflessione sulla tecnologia, sul ruolo che ha avuto nella nostra storia e che avrà nell’affrontare le sfide future (dalle modifiche del clima alla rivoluzione digitale, dalla genetica alle energie rinnovabili, ecc.), promuovendo un dibattito partecipato e accessibile a tutti che si occupa di temi vicini alla vita delle persone. Verranno coinvolti oltre 300 relatori, che parteciperanno a un ricchissimo calendario di incontri – lezioni, dibattiti, laboratori e mostre – caratterizzati da un approccio fortemente interdisciplinare a cui contribuiranno anche i linguaggi della narrativa, del cinema, della musica e delle arti figurative. Inoltre, sono previsti laboratori e momenti didattici, alcuni dei quali specificamente pensati per le scuole primarie e secondarie.

 

Durante il Festival, oltre a discutere delle più recenti innovazioni tecnologiche, si metteranno in luce le radici tecnologiche dell’Italia, si discuterà delle implicazioni – ambientali, etiche, sociali, economiche e geopolitiche – di scelte riguardanti grandi temi tecnologici come l’intelligenza artificiale, l’energia, i trasporti e le telecomunicazioni, e più in generale ci si interrogherà su come governare la tecnologia nell’interesse della collettività.

 

 

La rete a sostegno del Festival.

 

Il Festival si configura come iniziativa non solo dell’Ateneo e delle sue molteplici relazioni nazionali e internazionali, ma anche di un’ampia rete di collaborazioni instaurate ad hoc, come con il Comune di Torino e la Regione Piemonte, la Camera di commercio industria artigianato e agricoltura di Torino, l’Ufficio Scolastico Regionale, associazioni di categoria come l’Unione Industriale e molti enti culturali. Sono stati inoltre coinvolti – considerati i temi trattati dal Festival – il Ministero per l’Istruzione, l’Università e la Ricerca, il Ministero per i Beni e le Attività Culturali e il Ministero per lo Sviluppo Economico, ed è stato chiesto l’Alto Patronato del Presidente della Repubblica Sergio Mattarella.

 

Spiega il Rettore del Politecnico di Torino Guido Saracco: “Il Politecnico intende massimizzare il suo impatto sulla società ancor più di quanto non abbia fatto in passato e uno dei modi per farlo – a fianco di didattica, ricerca e trasferimento tecnologico – è proprio promuovere occasioni di confronto e di approfondimento su temi di grande rilevanza, aperti a tutti i cittadini. Il Festival della Tecnologia è il contributo che il Politecnico vuole dare alla sua Torino, al Piemonte e al Paese in occasione del nostro 160° compleanno, un tassello della strategia complessiva di condivisione della conoscenza e di ruolo civile dell’Ateneo”.

 

 

Per saperne di più e scoprire i dettagli del programma.