Innovazioni per una società aperta

ARCHIVIO Innovazione

NAStartUp, a Napoli una community di manager, imprenditori e professionisti per sostenere le startup

Oggi parliamo di NAStartUp, la community e Palestra delle startup di Napoli, un acceleratore dell’ecosistema delle Startup che adotta una ricetta di Sharing Economy Made in Naples, prendendo spunto dalla tradizione napoletana del “caffè sospeso”.  Così lo definisce Antonio Prigiobbo (Designer dell’Innovazione, Giornalista e Professionista da oltre 25 anni),  suo founder e driver: ” Un Acceleratore d’ Ecosistema. Un appuntamento periodico (mensile e gratuito) e una community che senza di lucro, dal basso, punta a far nascere, crescere e accelerare le innovazioni, le start up e i talenti Made in Naples”.

 

NAStartUp nasce nel marzo 2014 su iniziativa di Antonio Prigiobbo e oggi accanto a lui è supportato dalla vice Susanna Sanseverino e dagli Advisor Vincenzo Langella, Alessandra Iovine e Antonio Gison.  

 

NAStartUp punta a far conoscere, discutere e presentare tutte le startup e i progetti d’innovazione, con un elevator pitch davanti a una platea selezionata e a una nuova filiera produttiva. L’obiettivo è quello di supportare, nello sviluppo del proprio networking, chi vuole avviare una Startup, chi deve far crescere la sua Startup, chi è interessato a nuove forme d’investimento, chi si è stancato del suo lavoro e vuole crearne uno nuovo, chi vuole semplicemente capire il fenomeno e questa economia o chi è semplicemente curioso.

 

E’ un format di partecipazione, sviluppato in filiera, dalla community stessa, composta dai professionisti e dalle imprese che facilitano e accelerano la diffusione dell’economia delle startup e dell’Innovazione. La partecipazione è completamente gratuita, grazie agli sponsor e ai partner che sostengono il programma.

 

Come funziona? Ogni venerdì, gli startupper che vogliono dei feedback e supporto per la loro idea possono recarsi, su prenotazione, presso Nastartup e vengono accolti nella community. Prigiobbo a tal proposito spiega: “Mettiamo a disposizione la nostra rete di partner tra cui manager, imprenditori, sviluppatori, designer che sposano la filosofia di comunità e innovazione, che è alla base della nostra Palestra. Tutti mettono a disposizione il loro tempo per supportare le nuove realtà del territorio. Siamo convinti che non bisogna dire a uno startupper qual è la strada giusta da percorrere. Anche perché nell’innovazione non esiste un unico sentiero.  Quello che ci piace invece fare è aiutare lo startupper a trovare una sua strada, che è unica e potrà condurlo lontano. Le buone pratiche spesso non portano da nessuna parte, mentre arrivi lontano se segui percorsi nuovi e inesplorati”. Vi è una contaminazione tra competenze e professioni, tra esperienze e ispirazioni, che ha permesso di creare un ecosistema locale dell’innovazione sviluppato dal basso e in cui ognuno dà un proprio contributo.

 

L’iniziativa nasce insieme a Casa Lavazza, lo spazio lanciato dall’azienda di caffè, per celebrare il legame tra l’amata bevanda e il popolo napoletano, al quale si è aggiunto, nel mese di maggio, il Sindacato Unitario dei Giornalisti della Campania, nei pressi di Piazza dei Martiri. Gli appuntamenti de la #StartupSospesa, continuano nella casa dei giornalisti della Campania, con un particolare focus sui giornalisti che vogliono mettere su una startup. Per non perdere tutti gli appuntamenti di NaStartup (i TechCofee e gli incontri OneToOne), basta seguire i canali social della community e la pubblicazione del prossimo evento NAStartUpDay.