Innovazioni per una società aperta

Eventi

#STEMintheCity 2020, al via la IV edizione dell’iniziativa promossa dal Comune di Milano per diffondere la cultura STEM

Ad aprile inizia la quarta edizione di #STEMintheCity2020, l’iniziativa del Comune di Milano, in collaborazione con importanti realtà del settore pubblico e privato e con il supporto delle Nazioni Unite; lo scopo è diffondere la cultura STEM (Science, Technology, Engineering, Mathematics), in modo particolare tra le donne e rimuovere così gli stereotipi culturali che allontanano le ragazze dai percorsi di studio nelle materie tecnico-scientifiche.

 

L’obiettivo di #STEMintheCity2020, inoltre, è di coinvolgere l’intero ecosistema formativo: insegnanti, genitori, istituzioni e aziende, al fine di avvicinare ancora di più giovani ragazze e donne allo studio e alle carriere in campi quali la Scienza, la Matematica, l’Ingegneria e la Tecnologia. Per di più, l’iniziativa quest’anno intende dare voce alle tematiche ambientali per dimostrare quanto scienza e tecnologia siano in grado di sostenere il futuro delle nuove generazioni. Fino al 28 febbraio saranno accolti e resi riconoscibili dal logo “aspettando STEMinthecity 2020” tutti i progetti affini al tema e agli obiettivi della nuova edizione.

 

Il programma.

 

L’assessore alla Trasformazione Digitale e Servizi Civici del Comune di Milano, Roberta Cocco, spiega: “Il quarto giovedì di aprile è la giornata mondiale dedicata alle STEM e il capoluogo ha colto l’occasione per organizzare, durante tutto il mese di aprile, vari eventi per la divulgazione di queste discipline, in attesa della “Maratona”, organizzata e gestita dal Comune di Milano, che si terrà il 27, 28 e 29 di aprile e vedrà il susseguirsi di numerose attività in città dedicate al tema”.

Enti pubblici e privati, aziende, fondazioni, associazioni, scuole e Università sono invitati a proporre e organizzare dibattiti, seminari, corsi di formazione, installazioni e spettacoli che possano continuare ad alimentare il dibattito e il confronto. Sul sito www.steminthecity.eu è possibile candidare il proprio progetto entro il 28 febbraio e proporsi come partner o sponsor dell’iniziativa.

 

I partner, ad oggi già confermati, sono Assolombarda, Cefriel, il Politecnico e la Fondazione Politecnico di Milano, Fondazione Veronesi, ValoreD e l’Università Bocconi. Durante l’iniziativa corsi di formazione, incontri di role modeling, mostre, spettacoli e molto altro animerà tutta la città metropolitana (anche le periferie giocheranno un ruolo particolarmente attivo). Prima dell’evento, Milano offre l’opportunità di potere già entrare in contatto con l’iniziativa con diversi eventi in attesa di aprile (visita il sito ufficiale per saperne di più).

 

Questa edizione si concentra, inoltre, particolarmente sui temi della sostenibilità ambientale quali il riciclo e l’economia circolare. “La sostenibilità ambientale è la grande sfida del futuro – afferma l’assessore comunale all’Educazione, Laura Galimberti – Per questo è importante, sin dalla scuola dell’Infanzia, educare i più piccoli al recupero dei materiali, alla raccolta differenziata, all’utilizzo di borracce anziché bottiglie di plastica, a come evitare lo spreco di acqua ed energia e alla consapevolezza che attraverso la scienza e la tecnologia si possono raggiungere traguardi ancora più alti nel campo della sostenibilità”.

 

Da dove nasce #STEMintheCity2020?

 

La parola dell’assessore Cocco: “Oggi essere in possesso di notevoli competenze digitali è il passaporto di ingresso nel mondo del lavoro. Se i giovani riescono a comprendere l’importanza della formazione in questo campo e si impegnano nello studio di queste discipline, un domani non avranno difficoltà a trovare un’occupazione soddisfacente”.