Innovazioni per una società aperta

ARCHIVIO Formazione

“Teach For Italy”, il programma per i giovani talenti che vogliono impegnarsi nel contrasto alle disuguaglianze educative. Tempo fino al 1 Marzo 2020 per iscriversi

Sono aperte fino al 1 Marzo 2020 le iscrizioni per partecipare a Teach For Italy, il programma per combattere le disuguaglianze educative in Italia.

 

Il progetto prevede l’inserimento dei giovani selezionati per due anni nelle scuole più bisognose d’Italia, dove avranno l’opportunità di imparare a insegnare e a gestire una classe, avendo un impatto importante sulla comunità locale. Quello che Teach For Italy offre, inoltre, è la possibilità di migliorare le future opportunità professionali dei partecipanti al progetto grazie all’appoggio di un network internazionale di professionisti e a un percorso di career coaching e mentoring professionale.

 

Cosa prevede il programma?

 

  • un impegno di due anni (luglio 2020 – luglio 2022) come insegnante di scuola primaria o secondaria;
  • la partecipazione alla settimana di formazione The Future Makers (maggio 2020);
  • un training intensivo prima dell’inserimento in aula;
  • un programma di tutoring didattico, pedagogico e personalizzato per tutto il periodo di insegnamento;
  • un supporto biennale per sviluppare il proprio percorso personale, affiancato da uno specifico programma di mentoring professionale;
  • l’opportunità di partecipare a stage formativi estivi in altre organizzazioni nel mondo dell’istruzione e dell’innovazione sociale;
  • l’inserimento in una comunità internazionale di alumni, formata da professionisti appassionati di educazione ed impatto sociale, provenienti da 53 Paesi.

 

L’inserimento come insegnante avviene con un contratto di supplente nel mondo della scuola pubblica, regolarmente remunerato. Quali sono i requisiti richiesti?

 

  • un diploma di laurea (Laurea/Laurea Magistrale/Laurea Magistrale a Ciclo Unico) o da conseguire entro giugno 2020;
  • una buona conoscenza della lingua inglese (B2/C1);
  • disponibilità a spostarsi per due anni in un’altra regione italiana;
  • voglia di mettersi in gioco in ambito educativo, aiutando gli studenti a tirar fuori il meglio di sé e a sviluppare le proprie potenzialità;
  • resilienza, apertura ai feedback e una grande voglia di imparare;
  • motivazione a diventare agenti di cambiamento e a iniziare una sfida bellissima.

 

 

Per saperne di più.